:
APC-AM20130910_140438_6EAB3AFC[1]Christopher P. McKay NASA Ames Research Center http://spacescience.arc.nasa.gov/staff/chris-mckay Titolo: Astrobiology news: Plants on the Moon, Curiosity update, and Enceladus mission Università di Roma "Tor Vergata" via della Ricerca Scientifica snc Aula Seminari Dipartimento di Biologia Venerdì 20 settembre 2013 Ore 12:00 Chris is a research scientist with the NASA Ames Research Center. His current research focuses on the evolution of the solar system and the origin of life. He is also actively involved in planning for future Mars missions including human exploration. Chris been involved in research in Mars-like environments on Earth, traveling to the Antarctic dry valleys, Siberia, the Canadian Arctic, and the Atacama, Namib, & Sahara deserts to study life in these Mars-like environments. He was a co-investigator on the Huygens probe to Saturn’s moon Titan in 2005, the Mars Phoenix lander mission in 2008, and the current Mars Science Laboratory mission (2012).

Il paradosso della sfiducia negli OGM

Le Scienze – 11/09/2013   Gli alimenti derivati da organismi geneticamente modificati sono i più controllati in assoluto, ma nonostante le prove sulla loro sicurezza da parte delle autorità competenti, l’opinione pubblica è ancora molto diffidente, soprattutto in Europa, Africa […]
:
Le Scienze - 13/09/2013 Chiariti i dettagli molecolari del legame tra l'HIV e il recettore CCR5, usato dal virus nella maggior parte dei casi per aprirsi un varco nelle cellule e infettarle. La scoperta, frutto di sei anni di ricerche, potrebbe avere importanti ricadute nel perfezionamento degli attuali farmaci antivirali I meccanismi molecolari utilizzati dall'HIV-1 per forzare le difese del sistema immunitario e penetrare all'interno delle cellule sono stati finalmente chiariti grazie a un nuovo studio apparso sulla rivista “Science” a firma di Qiuxiang Tan dello Shanghai Institute of Materia Medica del'Accademia delle scienze cinese, e colleghi di un'ampia collaborazione internazionale. La scoperta potrebbe avere importanti ricadute nel perfezionamento dei farmaci antivirali attualmente disponibili contro l'HIV... http://www.lescienze.it/news/2013/09/13/news/virus_hiv_recettori_ccr5_cxcr4-1806919/
:
ted_logo[1]We’ve known how to cure malaria since the 1600s, so why does the disease still kill hundreds of thousands every year? It’s more than just a problem of medicine, says journalist Sonia Shah. A look into the history of malaria reveals three big-picture challenges to its eradication. Science historian Sonia Shah explores the surprisingly fascinating story behind an ancient scourge: malaria. http://www.ted.com/talks/sonia_shah_3_reasons_we_still_haven_t_gotten_rid_of_malaria.html
:
Corriere della sera - 13/09/2013 Ogm si o ogm no? Ma soprattutto: quanto siamo informati al proposito, prima di esprimere un giudizio? Il pubblico del Festivaletteratura di Mantova, amante di libri e di grandi tematiche, ha affollato la platea di un teatro per partecipare a un dibattito Oxford Style: un palco, due schieramenti, un quesito chiaro pro o contro Organismi geneticamente modificati e quattro relatori a promuovere e difendere le due posizioni contrapposte. Ma soprattutto, rispetto alle opinioni iniziali, un risultato ribaltato che si sposta di ben 9 punti dall'inizio alla fine dell'incontro a favore della sostenibilità degli organismi geneticamente modificati, passando dal 46% al 55%. Che sia grazie alla dialettica dei relatori - a favore Dario Bressanini e Beatrice Mautino, divulgatori e giornalista scientifici, contro Luca Ruini e Luca Colombo, quest'ultimo segretario della Fondazione italiana per la ricerca in agricoltura biologica e biodinamica ... http://www.corriere.it/ambiente/13_settembre_13/ogm-facile-cambiare-opinione_bce7ca28-1c49-11e3-8df2-24a872f62c06.shtml
:
virus-hiv--330x185   La Stampa - Tuttoscienze 13/09/2013 Testato sulle scimmie elimina totalmente il virus Un vaccino provato in scimmie con Siv (Simian Immunodeficiency Virus), l’equivalente dell’Hiv umano, ha mostrato di riuscire a eradicare completamente il virus. La ricerca della Oregon Health and Science University è stata pubblicata su Nature. http://www.lastampa.it/2013/09/13/scienza/scoperto-il-vaccino-che-eradica-lhiv-H4SiQ9jyW7OT59wMzb2ymK/pagina.html
:

1--330x185[1]

La Stampa - 13/09/2013 ... Innovative pratiche agricole faranno della manioca la coltura del XXI secolo. La FAO offre un modello di agricoltura sostenibile per soddisfare l’aumento della domanda Al posto delle monocolture normalmente impiegate nei sistemi di coltivazione intensiva, Save and Grow incoraggia colture miste e la loro rotazione, insieme ai principi della lotta antiparassitaria integrata, che per tenere gli insetti nocivi sotto controllo al posto dei pesticidi chimici, utilizza piantine immuni da malattie e nemici naturali dei parassiti. La manioca è una coltura molto versatile coltivata su piccola scala in più di 100 paesi. Le sue radici sono ricche di carboidrati, mentre le sue tenere foglie contengono fino al 25% di proteine​​, ferro, calcio e vitamine A e C. Altre parti della pianta possono essere usate come mangimi per animali e il bestiame allevato con la manioca presenta una buona resistenza alle malattie e bassi tassi di mortalità. Una ragione che spiega l’aumento della domanda di manioca è anche l’attuale prezzo sostenuto dei cereali. Questo la rende un’alternativa valida al grano e al mais, in quanto può essere trasformata in una farina di alta qualità che può in parte sostituire quella di frumento. Ma oltre alla sua importanza come fonte di cibo e di sicurezza alimentare, la manioca ha anche una quantità di usi industriali, che potrebbero promuovere lo sviluppo e far aumentare il reddito delle comunità rurali. La manioca è seconda solo al mais come fonte di amido, e varietà sviluppate di recente producono radici ricche di amido molto ricercate dall’industria. Anche la domanda di manioca come materia prima per la produzione di bioetanolo è in rapida crescita. E un’altra considerazione importante è che tra le grandi colture di base africane, la robusta e resistente manioca sarà la meno colpita dall’avanzare del cambiamento climatico http://www.lastampa.it/2013/09/13/scienza/ambiente/focus/per-la-fao-sar-la-manioca-lalimento-del-futuro-0p9s3oERSTIbEgZRHoaCiN/pagina.html
:
La Stampa - Tuttoscienze - 12/09/2013 Il meccanismo è alla base delle malattie acquisite, come il cancro Un meccanismo inusuale nella sintesi del Dna potrebbe spiegare le mutazioni genetiche. La ricerca del Georgia Institute of Technology è stata pubblicata sulla rivista Nature. http://www.lastampa.it/2013/09/12/scienza/svelato-il-meccanismo-con-cui-le-cellule-riparano-il-dna-WgGuy6srmLxKXp9xJTx3pO/pagina.html
:
bologna-258[1]   Il Sole24ore - 10/09/2013 con un'analisi di Eugenio Bruno Le università italiane migliorano le loro posizioni, (anche se il primo ateneo tricolore è solo al 188°posto) e altre entrano ex-novo nelle classifiche internazionali delle migliori università al mondo, secondo l'edizione del QS World University Rankings che classifica le top 800 università su una analisi che ne comprende 3.000. Nelle prime tre posizioni troviamo sempre il Massachusetts Institute of Technology (Mit) che si conferma la migliore, superando anche quest'anno Harvard e Cambridge. A distinguersi nella formazione accademica italiana sono invece l'Università di Bologna, Roma Sapienza, Politecnico di Milano, università degli Studi di Milano e quella di Pisa. La Bocconi [...]  http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-09-09/migliori-universita-mondo-atenei-162947.shtml?uuid=Ab1oTqUI  
:
7f50f584ca8911e280cd22000a9f18de_5 La Stampa - Green jobs - 24/08/2013 [...]dai prodotti tipici al chilometro zero, dal biologico al tradizionale. Per non dire dei mestieri che l’intera filiera agroalimentare rappresenta e che, in chiave “green”, può rappresentare ancora di più, dal campo alla tavola per aumentare la sicurezza dei nostri cibi o per impattare di meno su ambiente e salute. [...] Che il settore sia immenso, d’altronde, lo dicono i dati: in Italia l’agricoltura rappresenta qualcosa come il 12 per cento del PIL nazionale, vale a dire un fatturato per l’intero sistema di circa 200 miliardi euro all’anno. Questa volta, per parlare di professioni verdi, ci limiteremo a un settore davvero nuovo e ad un mestiere necessario ma per nulla scontato: il narratore del gusto. [...] Un misto tutt’altro che accidentale di scienza e di cultura che da qualche tempo a Brescia ha visto nascere una vera e propria associazione intitolata ai “Narratori del gusto”, fondata fra gli altri da la Strada dei Vini dei Castelli Romani, l’Ente Turismo Alba Bra Langhe e Roero, l’International Academy of Sensory Analysis, Paideia e dal Centro Studi Assaggiatori. Nomi che già spiegano bene il senso dell’iniziativa e che organizza brevi corsi di formazione, per esempio, per “guida sensoriale” o di “brand manager”. E più recentemente ancora l’Università di Urbino ha lanciato un vero e proprio Corso di alta formazione in “Geologia del gusto: narratore del gusto, comunicatore di benessere e selezionatore delle tipicità italiane”. Il corso inizierà il prossimo I ottobre ed è rivolto a laureati in Scienze geologiche, beni culturali, scienze biologiche, turismo, educazione e formazione, nutrizione, ecc. Insomma ad una vasta gamma di laureati che ruotano intorno all’agricoltura, all’ambiente e all’alimentazione e che potranno trovare posto nel settore agroalimentare come in quello del turismo. http://www.lastampa.it/2013/08/24/blogs/green-jobs/la-cucina-diventa-verde-shD0vfyZT3935D88zwlPrN/pagina.html Per approfondire gli aspetti della professione: Università di Urbino: http://www.uniurb.it/it/portale/?mist_id=430&lang=IT&tipo=DID&page=178&aa=&id=1455236 Narratori del gusto: http://www.narratoridelgusto.it/