:
181145466-008b28a8-c1fc-409c-bb9e-2b19e8de87ec   le scienze.it, 19/5/2017 - Amy Maxmen/Nature Due gruppi di ricerca sono riusciti a ottenere in laboratorio cellule staminali progenitrici di tutte le cellule del sangue, un obiettivo finora sfuggito ad anni di studi, che offre una speranza ulteriore a persone con malattie del sangue [...] Un gruppo diretto dal biologo di cellule staminali George Daley del Boston Children's Hospital, in Massachusetts, ha creato cellule umane che agiscono come cellule staminali del sangue, anche se non sono identiche a quelle che si trovano in natura. Un secondo gruppo, guidato dal biologo di cellule staminali Shahin Rafii del Weill Cornell Medical College, a New York, ha trasformato cellule mature di topi in cellule staminali del sangue completamente sviluppate. ... http://www.lescienze.it/news/2017/05/19/news/staminali_ematopoietiche_laboratorio_indotte_topi-3533844/ http://www.nature.com/news/lab-grown-blood-stem-cells-produced-at-last-1.22000  
:
le scienze.it, 16/5/2017 In tutto il mondo, la capacità di alcuni ceppi di batteri di resistere ad alcuni trattamenti antibiotici – e a tutti nel peggiore dei casi – sta diventando un problema sanitario sempre più serio, in particolare negli ospedali, dove si calcola che il 5 per cento circa dei ricoverati affronti un'infezione contratta all'interno della struttura. Alcuni microbiologi e genetisti stanno ora cercando di capire da dove abbiano avuto origine questi superbatteri che sembrano sopravvivere a qualunque condizione ostile. E nel caso del genere batterico degli enterococchi, molti dei quali hanno una notevole resistenza a diversi farmaci antibiotici, questa ricerca sta dando i suoi frutti: sulla rivista “Cell”, i ricercatori del Broad Institute del Massachusetts Institute of Technology e della Harvard University guidati da Michael Gilmore riferiscono di aver scoperto un loro antico antenato, vissuto circa 450 milioni di anni fa, che può essere considerato il progenitore di tutta la famiglia. ... http://www.lescienze.it/news/2017/05/16/news/antenato_enterococchi_resistenza_antibiotica-3527566/ http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0092867417304786
:
IWGSCle scienze.it, 15/5/2017, Anna Meldolesi/CRISPeRMania La rivoluzionaria tecnica di editing genomico CRISPR permetterà di migliorare la resa del grano, una delle più importanti colture destinate all'alimentazione umana: è questa la speranza dei genetisti del grano, come spiega in questa intervista Cristobal Uauy, project leader al John Innes Centre di Norwich in Gran Bretagna. La maggior parte degli abitanti del mondo mangia in media 50 piante di grano al giorno. Continuando con i ritmi attuali, la produttività di questo cereale non terrebbe il passo con la crescita demografica e l’evoluzione dei consumi. Per fortuna il grano conserva un potenziale biologico nascosto ancora da sfruttare e ci sono tecnologie emergenti che promettono di velocizzare il miglioramento genetico. [...] Il suo lavoro ha lo scopo di identificare i geni coinvolti nella produttività del grano e accelerare lo sviluppo di nuove varietà. Cosa possiamo aspettarci nel prossimo futuro? L’editing genomico è arrivato nel momento perfetto per il grano. Un’iniziativa internazionale ha sequenziato il genoma completo del frumento tenero usato per fare il pane, e l’Italia ha guidato il sequenziamento del frumento duro usato per fare la pasta. Ora abbiamo tutti i pezzi del puzzle ma dobbiamo metterli insieme ... http://www.lescienze.it/news/2017/05/15/news/crispr_futuro_grano_intervista_uauy-3521641/ www.wheatgenome.org https://crispr.blog/2017/05/09/il-futuro-del-grano-sara-riscritto-con-crispr/#more-1202
:
logo-with-glasses-115x190Pint of Science Italia si terrà, in contemporanea con gli altri paesi, nelle sere di lunedì 15, martedì 16 e mercoledì 17 maggio 2017. Pint of Science porta alcuni dei più brillanti ricercatori al tuo bar per discutere le loro ultime ricerche e scoperte direttamente con te. Il festival avrà luogo il 15-16-17 Maggio 2017 in Italia per raccontare, sorseggiando una buona birra, le novità della ricerca a chiunque ne sia interessato. I temi del festival saranno: Beautiful Mind (neuroscienze, psicologia e psichiatria) Atoms to Galaxies (chimica, fisica e astronomia) Our Body (biologia umana) Planet Earth (scienze della terra, evoluzione e zoologia) Tech Me Out (tecnologia e computer) Social Sciences https://pintofscience.it/events/roma
:
175435850-4f789dd7-4eee-40de-b851-7a16d82ba9f1 le scienze.it, 11/5/2017 Donne e uomini differiscono notevolmente nei livelli di espressione di oltre 6500 geni negli stessi tessuti. Inoltre, nella popolazione in generale - e ancor più in quella maschile - le mutazioni dannose a carico di questi geni si accumulano molto più facilmente di quanto avviene per gli altri geni. ... L'espressione di un gene - ossia il livello di produzione delle proteine codificate da ciascuno di essi - può variare notevolmente, in funzione della specifica variante del gene, dell'interazione con altri geni e, ancor prima, di altri fattori presenti nella cellula in cui si trova, ma non si sospettava che ci fosse una differenza così ampia e sistematica tra i due sessi. A scoprirlo sono stati Moran Gershoni e Shmuel Pietrokovski del Weizmann Institute a Rehovot, in Israele, in una ricerca in cui hanno anche scoperto che le mutazioni dannose di questi geni tendono ad accumularsi nella popolazione con frequenze abbastanza elevate. Lo studio è pubblicato su "BMC Biology". La ricerca - condotta sui dati della banca dati genetica del progetto GTex (Genotype-Tissue Expression) coordinato dal Broad Institute del MIT e della Harvard University - ha esaminato l'espressione dei 18.670 geni degli uomini nei tessuti comuni a entrambi i generi (i geni funzionanti nelle donne sono un numero leggermente maggiore, 19.644). ... http://www.lescienze.it/news/2017/05/10/news/espressione_geni_differenze_maschi_donne_-_finire-3521396/ https://bmcbiol.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12915-017-0352-z
:
125353431-8d308005-477a-4974-9bbd-421aec7cf19c   le scienze.it - 4/5/2017, Anna Meldolesi/CRISPerMania intervista a: Pino Macino, uno dei ricercatori che ha contribuito allo sviluppo dell'interferenza a RNA, un settore di ricerca premiato con il Nobel utile a studiare il funzionamento dei geni, ritiene che CRISPR sia un passo in avanti straordinario per lo studio dell'espressione genica e per lo sviluppo di nuovi farmaci. ... http://www.lescienze.it/news/2017/05/04/news/crispr_nel_paese_delle_rna-meraviglie-3514907/
:
104847240-d2d5116b-e8ed-4131-898b-5f864d3d4e30 le scienze.it, 2/5/2017 - Knvul Sheikh/Scientific American. I microbi del tratto digerente possono aiutare il cervello a capire di quali nutrienti ha bisogno il corpo, come suggerisce uno studio sul moscerino della frutta. ... i microrganismi hanno mostrato di influenzare dieta e comportamento, nonché ansia, depressione, ipertensione e una serie di altre condizioni. Ma il modo preciso in cui questi trilioni di piccoli ospiti - chiamati collettivamente microbioma - influenzano le nostre decisioni su cosa mettere in bocca è stato finora un mistero. Ora i neuroscienziati hanno scoperto che specifici tipi di flora intestinale aiutano l'animale ospite a individuare quali nutrienti mancano nell'alimentazione e quindi stabilire la quantità delle sostanze nutritive di cui l'ospite ha veramente bisogno. [...] Carlos Ribeiro, che al Champalimaud Center for the Unknown di Lisbona studia i comportamenti alimentari di Drosophila melanogaster, il moscerino della frutta. In un articolo pubblicato su "PLoS Biology" Ribeiro e la sua squadra hanno mostrato come il microbioma influenzi le decisioni nutrizionali di Drosophila. ... http://www.lescienze.it/news/2017/05/02/news/batteri_intestinali_controllo_dieta-3509344/ http://journals.plos.org/plosbiology/article?id=10.1371/journal.pbio.2000862 https://www.scientificamerican.com/article/how-gut-bacteria-tell-their-hosts-what-to-eat/
Avviso Seminario: DNA damage signaling mediates the functional antagonism between replicative senescence and terminal muscle differentiation.

Avviso Seminario: DNA damage signaling mediates the functional antagonism between replicative senescence and terminal muscle differentiation.

:
175800905-1d4c70c2-ba0e-42a4-8b46-82c8f0f4ab93 la repubblica.it - 27/4/2017 Uno degli effetti del riscaldamento globale sugli oceani è la proliferazione delle cosiddette 'alghe tossiche', la cui presenza è in aumento nel nord dell'Atlantico e del Pacifico. Lo afferma uno studio della Stony Brook University, pubblicato dalla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences. I ricercatori hanno combinato dati ad alta risoluzione sulla temperatura degli oceani a partire dal 1982 con lo studio delle caratteristiche biologiche di due tra le alghe più tossiche presenti in natura, Alexandrium e Dinophysis. Lo studio dimostra, anche sulla base di altre ricerche che hanno misurato la concentrazione delle alghe a diverse latitudini, che negli ultimi anni ampie zone dell'Atlantico e del Pacifico settentrionali hanno visto crescere la propria temperatura, diventando così più 'ospitali' per le alghe. Di conseguenza la proliferazione di questi microrganismi, che trasmettono le loro tossine all'uomo attraverso i molluschi, è aumentata. ... http://www.repubblica.it/ambiente/2017/04/26/news/riscaldamento_globale_alghe_tossiche-163955580/ http://www.pnas.org/content/early/2017/04/18/1619575114.abstract
:
radiotrescienza - 27/4/2017, ore 11.30 - al microfono Pietro Greco, riascoltabile: http://www.radio3.rai.it/dl/portaleRadio/media/ContentItem-4b0e18f0-62db-470e-832d-354e9f4d4901.html Un semplice prelievo per verificare se siamo sotto l’attacco di un tumore. La battaglia contro il cancro sembra puntare sempre di più sulle biopsie liquide, tecniche non invasive che permettono di rintracciare frammenti di DNA tumorale nei fluidi. Quando saranno completamente affidabili i test in fase di sperimentazione? E quale sarà il loro costo? Cerchiamo di fare il punto con l’aiuto di Alberto Bardelli, professore ordinario della facoltà di medicina all’università di Torino. Cosa definisce un rivoluzionario, nel mondo della scienza? Con Giulio Giorello sfogliamo il suo ultimo libro L’etica del ribelle (Editori Laterza, 2017) e raccontiamo la settima edizione della Festa di scienza e filosofia di Foligno.